La Grecia

Il nome originale della Grecia in lingua greca è Ελλάς = Ellás /e̞ˈlas/. Tale nome è reso in italiano con ‘Hellas’ seguendo le antiche convenzioni politoniche. Meno formalmente, ma più comunemente, è chiamata Ελλάδα = Elláda /e̞ˈlaða/. Nel mito antico, la dea Elle o la sua personificazione maschile, l’eroe eponimo Elleno era l’antenato delle tre stirpi elleniche.

Etimologicamente deriva da Sellas, “terra lunare”, “spoglia di vegetazione” ma anche “dove si venera la luna” (Selene, appunto), la cuis iniziale è caduta lasciando come relitto un’aspirazione.

NOME COMPLETO REPUBBLICA ELLENICA
NOME UFFICIALE ΕΛΛΑΣ – ELLASΕΛΛΗΝΙΚΗ ΔΗΜΟΚΡΑΤΙΑ ELLINIKI DHIMOKRATIA
FORMA DI GOVERNO REPUBBLICA PARLAMENTARE
PRESIDENTE KAROLOS PAPOULIAS
PRIMO MINISTRO ANTONIS SAMARAS
RELIGIONE UFFICIALE CRISTIANA ORTODOSSA
INDIPENDENZA 1 GENNAIO 1822 DALL’IMPERO OTTOMANO
INGRESSO NELL’ONU 25 OTTOBRE 1945
INGRESSO NELL’UE 1 GENNAIO 1981
TOTALE SUPERFICIE 131.940 km² (94º)
POPOLAZIONE 11.295.002 AB.
CONTINENTE EUROPA
FUSO ORARIO UTC+2
UTC+3 in ora legale
VALUTA EURO
Codici ISO 3166 GR, GRC, 300
TLD GR. EU.
PREFISSO TELEFONICO 0030
SIGLA AUTOMOBILISTICA GR
INNO NAZIONALE IMNOS IS THN ELEFTHERIAN
FESTA NAZIONALE 25 MARZO

bandiera-grecaLa bandiera greca è composta da nove strisce orizzontali di uguali dimensioni, dove i colori che si alternano sono ciano (partendo dall’alto) e bianco, con una croce greca bianca su sfondo ciano nell’angolo in alto a sinistra. La croce simboleggia la Chiesa Cristiana Ortodossa per l’importante ruolo che essa ha avuto nella liberazione della Grecia dal giogo dell’Impero Ottomano, mentre le nove strisce rappresentano le sillabe del motto dello Stato Ellenico: Έλευθερία ή Θάνατος (E-lef-the-rì-a i Thà-na-tos), ovvero “Libertà o morte”.


La Grecia è formata dalla parte continentale più meridionale della penisola balcanica, che si espande verso sud abbracciata dal Mar Egeo e dal Mar Ionio, dalla penisola del Peloponneso, separata dal resto del continente dall’istmo e dal Canale di Corinto, oltre che da più di 1500 isole nel Mar Egeo e nel Mar Ionio, le più importanti delle quali sono Creta, Eubea, Lesbo, Chio, e quelle facenti parte della prefettura del Dodecaneso, delle Cicladi e delle Isole Ionie. La Grecia è il dodicesimo Stato al mondo per estensione costiera, con 13.676 km di coste, e ha una linea di confine lunga 1.160 km.

Confina a Nord con Albania, Repubblica di Macedonia e Bulgaria, oltre che con la Turchia a nord-est. È bagnata dal Mar Egeo a est e a sud, mentre il suo versante occidentale è bagnato dal Mar Ionio. Più di 1/5 della superficie totale è composta da oltre 6000 isole e isolotti, 227 delle quali abitati.


Il clima è mediterraneo, con estati molto calde, scarse precipitazioni e inverni miti. Nelle regioni interne e sui rilievi il clima può diventare continentale, con piogge frequenti, inverni freddi e nevosi.


Atene (in greco: ΑθήναAthína; in greco antico: ἈθῆναιAthênai) è un comune greco di 655.780 abitanti, capoluogo dell’unità periferica di  Atene Centrale, della periferia dell’Attica e Capitale della Repubblica Ellenica.

Attualmente il comune di Atene ha una superficie di 39 km², ma l’area urbana intesa come Grande Atene,  ha una estensione di 412 km² con 4.013.368 abitanti, ed è così la settima conurbazione più grande e la quinta capitale più popolosa dell’Unione Europea. Atene è una metropoli cosmopolita ed è il centro economico, finanziario, industriale e culturale della Grecia.

È nota in tutto il mondo per la nascita della democrazia, (fu infatti la prima città del mondo ad adottare una forma di governo democratico storicamente accertata), per essere stata la sede dell’accademia di Platone e del liceo di Aristotele, oltre che aver dato i natali a Socrate, Pericle, Sofocle e molti altri filosofi e personaggi importanti dell’antichità.

Tradizionalmente la protettrice della città è la dea Atena, raffigurata sia sullo stemma che sulla bandiera della città.

Salonicco (in greco: ΘεσσαλονίκηThessaloniki), l’antica Tessalonica (nome ufficiale della città), è la seconda città della Grecia per numero di abitanti e la prima e più importante della regione greca della Macedonia. È inoltre il capoluogo della periferia greca della Macedonia Centrale. Il comune di Salonicco in senso stretto conta 363 987 abitanti, mentre l’area urbana – che giace su una baia del Golfo Termaico alla testa della penisola Calcidica – ha in totale circa un milione di abitanti.

È chiamata ufficiosamente Συμπρωτεύουσα (Symprotevousa), ovvero co-capitale, titolo d’onore in quanto, accanto a Costantinopoli, era la Συμβασιλεύουσα (Symbasilevousa, cioè co-regnante) dell’Impero Bizantino. La città presenta diverse tracce della dominazione ottomana e della comunità ebraica, che prima della seconda guerra mondiale era una delle più numerose d’Europa, oltre che numerosissimi esempi di architettura bizantina e paleocristiana, che sono stati nominati patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

Salonicco è oggi un fiorente centro industriale, economico e culturale, e un punto nevralgico per i trasporti nel sud-est Europa: da qui passano infatti i corridoi stradali europei E65 e E90. Salonicco è inoltre il secondo porto più grande della Grecia dopo quello del Pireo di Atene per trasporto di container. Ogni anno dal 1926 è sede della Fiera Internazionale di Salonicco (Διεθνής Έκθεση Θεσσαλονίκης), e, dal 1960 dell’International Thessaloniki Film Festival.
La città sarà inoltre capitale europea della gioventù per l’anno 2014.

In Grecia le condizioni delle strade sono notevolmente migliorate negli ultimi anni. In tutta la Grecia continentale e nelle isole più importanti tutte le strade principali sono in buone condizioni. Vi sono anche autostrade a pedaggio che toccano le principali località da nord a sud della Grecia continentale.

Al centro di Atene il traffico è sempre molto intenso. Per spostarsi, oltre agli innumerevoli autobus, c’è la comoda metropolitana che collega in modo efficace sia i quartieri di Atene che le maggiori attrazioni turistiche. Meritano una visita le nuove stazioni delle metropolitana che sono state trasformate in musei sotterranei: infatti, tutti i reperti archeologici che sono stati trovati durante gli scavi sono stati esposti al pubblico.

La cucina greca è di antichissima tradizione: l’arte culinaria si può dire sia nata nella penisola greca e nelle colonie della Magna Grecia. I cuochi greci erano molto richiesti e ben pagati dai ricchi romani, ed influenzarono quindi molto i costumi culinari nel sud dell’Italia. Una cosa curiosa è che il famoso cappello bianco che oggi caratterizza i cuochi di tutto il mondo nacque proprio in Grecia!

La cucina tradizionale è tipicamente mediterranea e si avvale di prodotti tipici quali l’olio di oliva, il pesce, la carne, e le ottime verdure. Per iniziare vengono serviti i “mésedes” vari antipastini per stuzzicare l’appetito, seguiti poi dal piatto principale, insalate e formaggi. Tra i piatti principali ricordiamo il famoso “Mousaka”, un ottimo pasticcio a base di melanzane, patate e ragù di carne, i “Souwlaki”, spiedini fatti con diversi tipi di carne, i “Dolmades”, foglie di vite ripiene di riso. Un ingrediente tipico è lo yoghurt, che serve soprattutto per lo “Tzatziki” una salsa lavorata con yoghurt, cetriolo e aglio. Il miele è l’elemento principale della pasticceria greca, insieme con noci e mandorle: i dolci sono molto zuccherati! In Grecia si fa uso di qualsiasi tipo di bevanda: ottime le birre e i vini: da non dimenticare di assaggiare la “Retzina”, il caratteristico vino bianco greco. E prima di iniziare il pranzo è d’obbligo l’”Ouzo”, aperitivo a base di anice.